La voce educa la mente e il corpo

Secondo appuntamento con il nostro viaggio alla scoperta della psicobiorisonanza.

Quando parliamo di voce e di canto, ci viene insegnato che dobbiamo educare la nostra voce: esistono molti manuali che insegnano la postura, la respirazione, il movimento del diaframma, in verità abbiamo due diaframmi, con lo scopo di ottenere una voce “perfetta” per il nostro scopo, per quel brano, per quella interpretazione.

Il corpo e la mente, grazie ad esercizi e tecniche, possono educare la voce…. ma se fosse possibile il contrario?

Se la voce potesse educare il corpo e la mente?

Se fosse possibile in che modo la voce influenzerebbe  il corpo? Con quali effetti? E sulla mente in che modo la voce agirebbe?

Questi sono gli interrogativi che hanno portato la dott.ssa Francesca Romano a studiare e a sperimentare fino ad arrivare ad elaborare un “metodo umano” valido per chiunque” desideri dare un equilibrio e una consapevolezza più robusti alla propria persona”

Il percorso che la dott.ssa Francesca Romano offre si basa su prove reali e più volte verificate, su basi scientifiche e storiche, è consigliato a chiunque e non solo a chi possieda particolari doti o strumenti: tutti possiedono i mezzi per poterne beneficiare.

L’unicità del percorso

Quando decidiamo di affrontare questo percorso, la dott.ssa Francesca Romano ci accompagna attraverso una serie di sezioni, proponendoci degli esercizi ovviamente comuni a chiunque ma è importante sapere che il percorso con il singolo allievo viene sviluppato in maniera unica ; ogni essere è unico, e la voce fa parte della sua unicità, e questa unicità “pretende” un percorso unico : il “metodo” è  come un bell’abito che venga adattato nella forma, nel colore e nel tessuto, per poter essere indossato da chiunque.

Dunque l’assenza di una rigida procedura è una delle caratteristiche che contraddistingue il  lavoro della dott.ssa Francesca Romano: ogni percorso viene stabilito a seconda della persona che le si presenta, dei suo bisogni e desideri.

Un secondo punto fermo è il tempo: non esiste limite d’età per cantare.
Come ci racconta nel suo libro “Iniziazione alla voce terapia” la sua allieva più giovane è  una bambina di due mesi, e l’allievo più adulto ha ben 90 anni!

Ma il tempo è sempre presente nella nostra vita, e , come per tante altre cose per le quali ci domandiamo “quanto tempo ci vorrà per..” anche il canto non sfugge a questa domanda: “quanto tempo sarà necessario affinché possa esibirmi? In quanto tempo saprò usare bene la mia voce? In un mese potrò cantare qualsiasi brano?”

La rinascita

Ma non esistono regole per il canto, il tempo , in un certo senso, segue la nostra unicità, dipende da noi, dalla nostra capacità di scoprire il nostro bioritmo: non siamo noi che decidiamo quanto, ma è il tempo stesso che si plasmerà.

All’interno del percorso però è possibile individuare una cornice temporale che abbraccia una parte significativa del percorso stesso, e viene individuata in nove mesi.

Possiamo dire che nove mesi è il tempo della rinascita.

Il percorso è un vero e proprio corso di canto: un corso di canto che dura nove mesi
il tempo della rinascita è quello della nascita!

Nel prossimo articolo approfondiremo le varie tappe del percorso e della psicobiorisonanza.

Vi ricordo che potete acquista il libro “Iniziazione alla voce-terapia. La voce educa la mente e il corpo canta” su amazon sia in formato digitale che nel formato con copertina flessibile

Lascia un commento